Home / Attività / Registro degli Operatori di Comunicazione / Faq / 
9) E’ obbligatorio comunicare le variazioni?
I soggetti obbligati all’iscrizione al ROC (v. FAQ n. 2) sono tenuti a comunicare, entro 30 giorni dal verificarsi della circostanza, ogni variazione relativa a quanto dichiarato all’atto dell’iscrizione al Registro.

Ad eccezione delle variazioni concernenti la pubblicazione di nuove testate, che devono essere sempre comunicate, le comunicazioni di variazione non sono dovute dai soggetti che svolgono le seguenti attività:

concessionaria di pubblicità su testate periodiche, anche telematiche, non dotate dei requisiti di cui all’articolo 18, comma 1, della legge 5 agosto 1981, n. 416 (ossia che pubblicano meno di 13 numeri l’anno o che hanno alle loro dipendenze meno di 5 giornalisti a tempo pieno da un anno);
editori di testate periodiche, anche telematiche, che pubblicano meno di 13 numeri l’anno o che hanno alle loro dipendenze meno di 5 giornalisti a tempo pieno da un anno.

Va evidenziata un’ulteriore importante semplificazione: ad eccezione delle variazioni concernenti dati e informazioni relative all’attività svolta, che devono essere comunicate attraverso l’apposita modulistica, i soggetti iscritti nel Registro delle Imprese, che hanno effettuato la comunicazione annuale (in proposito, vedere FAQ successiva) secondo le modalità previste dagli articoli 11 e 13, non sono tenuti a comunicare al ROC le variazioni relative ai dati anagrafici, agli organi amministrativi e agli assetti proprietari già depositate in Camera di Commercio.

Resta l’obbligo di aggiornare nel Registro i dati relativi ad intestazioni fiduciarie, pegni, usufrutti e comunioni di quote non accessibili attraverso i sistemi di cooperazione applicativa con il Registro delle Imprese.

Le variazioni sono trasmesse, esclusivamente in via telematica – attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it – compilando il modello 15/ROC, che indica il tipo di variazione, nonché una o più dichiarazioni, redatte secondo i diversi modelli utilizzati per l’iscrizione al Registro (i modelli da 2/ROC ad 24/ROC), contenenti l’indicazione della specifica variazione intervenuta.
Top